Oltre il solito rosa-azzurro: soluzioni innovative per i colori della cameretta

  • Autore: PORRO ROBERTA
  • 17 lug, 2017
cameretta da bambino con parquet

Il trend degli ultimi anni nell’ambito delle camerette per i più piccoli parla chiaro: i classici rosa e azzurro sono finalmente scesi dal podio, lasciando spazio a colori meno vincolanti.

Si tratta di un’ottima notizia per i genitori: i toni neutri permettono di riutilizzare in tutta tranquillità la cameretta anche per il secondo o il terzo figlio, senza dover improvvisare tinteggiature fai da te. Infatti i ragazzi, crescendo, potrebbero non apprezzare più una stanza interamente celeste o rosa cipria: prevenire, quindi è meglio che curare!

In entrambe le situazioni, puntare su colori “alternativi” può rivelarsi una scelta davvero azzeccata. Ciò vale soprattutto se si acquista un prodotto di alta qualità, destinato a durare negli anni: nonostante il passare del tempo, la cameretta sarà infatti sempre come nuova!

Il grande ritorno dei colori neutri

I toni neutri, dal bianco latte al tortora, sono una delle maggiori tendenze per l’arredamento di tutta la casa, e si adattano perfettamente anche all’ambiente della cameretta, magari abbinandoli al legno chiaro. Ideali per l’atmosfera tenera della stanza di un neonato, con i giusti tocchi di colore i tessuti e i soprammobili diventano subito più vivaci, e possono accompagnare il bambino in tutta la sua crescita. Se la vostra casa è moderna o in stile Shabby-Chic, questa potrebbe essere la soluzione perfetta per armonizzare la cameretta al resto della casa.

Colorato, sì ... ma non troppo

Per chi non vuole rinunciare ai colori accesi ma senza esagerare, ci sono varie possibilità. Le tonalità pastello non passano mai di moda e sono adatte a tutti, soprattutto nelle sfumature del giallo e del verde. In alternativa ci si può orientare sul verde salvia, il bordeaux e il blu pavone, che risultano intensi ma sempre eleganti.

Tinte vivaci adatte a tutti

Se invece amate i colori sgargianti, niente paura: la cameretta è il luogo perfetto per osare e creare un ambiente giocoso e vivace per i propri figli. Il rosso, l’arancio, il giallo, il blu elettrico e perfino i toni fluo saranno sicuramente apprezzati dai più piccoli, e riusciranno a creare un’atmosfera estroversa, senza dover ricorrere ai tipici toni del rosa o dell’azzurro.

Avete trovato tra le nostre proposte la tonalità perfetta per la stanza del vostro bambino?
Qualunque sia il vostro stile, una cosa è certa: oltre al rosa e all’azzurro c’è tutto un mondo di colori da scoprire!
Autore: PORRO ROBERTA 17 ago, 2017
Sul mercato non è raro imbattersi in camerette apparentemente molto simili, ma con costi ben diversi. Da che cosa dipende la differenza di prezzo? È davvero giustificata? Se anche voi vi siete posti almeno una volta queste domande, ecco alcuni ottimi motivi per investire un po’ di più per la stanza dei vostri bambini.
Autore: PORRO ROBERTA 17 lug, 2017

Il trend degli ultimi anni nell’ambito delle camerette per i più piccoli parla chiaro: i classici rosa e azzurro sono finalmente scesi dal podio, lasciando spazio a colori meno vincolanti.

Si tratta di un’ottima notizia per i genitori: i toni neutri permettono di riutilizzare in tutta tranquillità la cameretta anche per il secondo o il terzo figlio, senza dover improvvisare tinteggiature fai da te. Infatti i ragazzi, crescendo, potrebbero non apprezzare più una stanza interamente celeste o rosa cipria: prevenire, quindi è meglio che curare!

In entrambe le situazioni, puntare su colori “alternativi” può rivelarsi una scelta davvero azzeccata. Ciò vale soprattutto se si acquista un prodotto di alta qualità, destinato a durare negli anni: nonostante il passare del tempo, la cameretta sarà infatti sempre come nuova!
Autore: PORRO ROBERTA 17 lug, 2017

Spesso nelle nostre case ci troviamo a fare i conti con problemi di spazio, soprattutto quando si tratta della cameretta. Nel tentativo di creare nuovi angoli di contenimento si finisce per affidarsi a soluzioni improvvisate, con il rischio di far assumere alla camera l’aspetto di un eterno “work in progress”.

Tuttavia, sfruttando al massimo l’altezza della stanza con dei semplici giochi di sovrapposizioni, è possibile trasformare anche l’ambiente più piccolo in un luogo perfetto per i vostri bambini, senza rinunciare né all’estetica né alla praticità di fruizione.

La parola d’ordine è "movimento": via libera ai doppi livelli e alla fantasia, per creare vivaci composizioni salvaspazio!
Share by: